Plastimo Sacco Stagno Estendibile 20/40 L | Hinelson Academy

Altri episodi:
00:04:58

Come usare le Molle...

00:05:35

La Cassetta del Pronto...

00:07:41

Come Usare il VHF...

00:09:04
00:05:18

Come Usare i Parabordi...

00:05:03

HiNelson Academy – Recensione Prodotti

Benvenuto in questo nuovo tutorial dal titolo “Plastimo Sacco Stagno Estendibile” in cui recensiremo il nuovo modello di DryBag della Plastimo. Dato che questa Sacca è certificata IP66 significa che resiste a getti o secchiate di acqua. Non mi limiterò ad illustrarne le caratteristiche ma la testeremo in condizioni estreme ad esempio lanciandola in mare farcita di pietre e facendole toccare i 15 metri di profondità.

Sconto 5% inserendo il codice “HNTUBE10” su più di 16.000 prodotti in HiNelson e non dimenticare di ISCRIVERTI al Canale Youtube per ricevere l’avviso del prossimo video online!

Attiva i sottotitoli per fruire al meglio della spiegazione cliccando sull’icona in basso a destra del video.

PLASTIMO SACCO STAGNO ESTENDIBILE 20/40L

Questo sacco del marinaio è particolarmente comodo per gli spostamenti dato che oltre ad essere resistente è anche dotato di due robusti spallacci che ne permettono l’utilizzo come un zaino.

Il colore Giallo Lime molto acceso deriva dalla precisa scelta di poter individuare la sacca tempestivamente anche in mari agitati.

La peculiarità di questo prodotto è la possibilità di estendere la capienza da 20 a 40 litri grazie alla zip posta a metà sacco. Basterà chiuderla per ridurre la sacca a metà della grandezza iniziale.

-30cm di diametro
-66cm di altezza zip chiusa
-87cm di altezza zip aperta

Può essere sigillato grazie al sistema RollDown, ovvero facendo tre risvolti partendo dalla barra rigida.

Al suo interno troverai una tasca fornita di Zip per riporre documenti, chiavi e altri piccoli oggetti.

Termosaldature eseguite ad arte per questa sacca creata in robusto e impermeabile PVC 500D Tarpaulin e più in generale i materiali plastici sono di ottima qualità.

E’ presente anche una linguetta che serve a mantenere la sacca arrotolata e pronta per essere riposta occupando pochissimo spazio.

Ora che abbiamo visto come è fatta procediamo a qualche test!

Test 1. Galleggiabilità

Chiudiamo la Grab Bag come abbiamo visto prima, la fissiamo con una cimetta e con un bel lancio la scagliamo in acqua.

Primo test passato e la borsa non presenta infiltrazioni d’acqua al suo interno.

Test 2. Impermeabilità a 2 metri

Per la seconda prova inseriremo alcuni massi irregolari al suo interno e ripeteremo il primo test. Un altro bel lancio in mare!

Ripeto il lancio due volte perché la sacca con una sola pietra da circa 5 Chili al suo interno non ne vuole sapere di affondare.

Il mio intento in questo caso è farla appoggiare sul fondo che è a circa 2 metri dalla superficie dell’acqua.

Dopo aver aggiunto altro peso la sacca affonda e, aspettando che le bolle finiscano di risalire, decido di lasciarla un pò in balia della marea.

Al suo ritorno sul molo la sacca dimostra ancora le sue doti di impermeabilità.

E adesso? Ora andiamo fuori con il tender dove l’acqua è più profonda e la pressione maggiore!

15.5 Metri di profondità

Cerca l’ecoscandaglio fisso o portatile perfetto per te su HiNelson.com

Una volta rivelata la profondità fissiamo la cimetta e la telecamera subacquea alla grab bag..

Test n.3 impermeabilità e resistenza a 15 metri

Al primo lancio la sacca dimostra ancora le sue grandi doti di galleggiabilità. Dobbiamo inserire più peso per un totale di circa 15 Chili per vedere la nostra grab bag cominciare la sua discesa verso il fondale.

Da non perdere:   Ecovelisti al VELAFestival 2019

Aprendo la sacca una volta recuperata dal fondo la prima cosa che salta agli occhi è che l’interno è bagnato! Abbiamo subito pensato che la pressione è stata eccessiva e che la sacca ha comunque superato brillantemente tutti i test precedenti ma riguardando le riprese subacquee notiamo che le bolle di aria, e quindi l’infiltrazione di acqua, cominciano DOPO aver tirato verso l’alto la sacca.

Cosa è successo?

Cozzando contro il fondo e fra di loro, le Pietre dai bordi taglienti all’interno della sacca hanno creato un piccolo buco. Spostandosi durante la fase di recupero le stesse rocce si sono mosse permettendo all’acqua di entrare.

Quindi il mio consiglio è di non eccedere nel peso e di non inserire oggetti che possono forare il sacco dall’interno.

Voglio ricordare che la Grab Bag Plastimo non è progettata per immersioni e che i test a cui la abbiamo sottoposta sono intesi a dimostrare che è un prodotto in grado di sopportare sollecitazioni ambientali molto maggiori a quelle per cui è stato pensato.

Ed ecco le considerazioni finali dopo i nostri test su Plastimo Sacco Stagno estendibile

– Grande galleggiabilità
permette di usare la sacca come device galleggiante in caso di emergenza

– Colore
prontamente identificabile ovunque

-Materiale
Prodotto di buon livello sia nei materiali che nell’assemblaggio

– Alta impermeabilità
come dimostrato anche a profondità impegnative la borsa mantiene la sua caratteristica principale

L’ultimo test da eseguire è quello del tempo! Ma questa prova la lasciamo fare a te. Indossa il Sacco Stagno Estendibile Plastimo e parti alla volta della tua prossima avventura!

Prodotti scontati al 5% su HiNelson.com

Sconto 5% inserendo il codice “HNTUBE10” su più di 16.000 prodotti in HiNelson e non dimenticare di ISCRIVERTI al Canale Youtube per ricevere l’avviso del prossimo video online!

Ti ricordo che lo sconto non può essere utilizzato su Lowrance, Simrad, Garmin, Furuno, B&G, ICOM, C-MAP, YAMAHA, TOHATSU, OceanLED, Boss Marine, revisioni/rottamazioni zattere e giftcard.

HiNelson Academy

Continuiamo con la nostra serie di tutorial in cui parleremo di manutenzione, tecnica e fai da te sulla barca.

HiNelson Academy nasce con l’obbiettivo di mostrare ed illustrare molti lavori che puoi eseguire da solo sulla tua imbarcazione.

Assolutamente da condividere se avete amici interessati al Do It Yourself Nautico.

Lascia un pollice in su se il video ti è stato utile e non dimenticare di ISCRIVERTI al Canale Youtube per ricevere l’avviso del prossimo video online!

Al prossimo video e Buon Vento!

N.B. Disclaimer immagini. Alcune delle immagini presenti in questo articolo sono di proprietà dell’autore, altre sono create con Google Earth©, tutte le altre sono frutto di ricerche sul motore di ricerca Google con la spunta “contrassegnate per essere riutilizzate” in “diritti di utilizzo”.

Se dovesse essere presente una foto coperta da diritti di autore avvisami subito QUI e provvederò a sostituire la foto immediatamente.

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 0 / 5. Numero di recensioni 0

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Condividi
Rimani aggiornato

Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.