Cosa considerare nella scelta del filo trecciato da pesca

Filo trecciato da pesca: una scelta da non sottovalutare

Hai scelto con la massima cura la tua canna da spinning, sei riuscito a trovare il mulinello ideale per la tecnica di pesca che preferisci e ora sei pronto a partire per la tua battuta di pesca, sia in mare che in acque interne. Giusto?

Sbagliato! Tra tutti i tipi di trecciati, trovare un filo da pesca che sia di qualità sufficientemente alta per permetterti di pescare senza problemi è un passaggio fondamentale per il successo di ogni battuta di pesca.

In questo articolo daremo un’occhiata a che tipi di trecciati esistono e quali sono più adatti per pescare sia in mare che nelle acque interne.

Quali sono le caratteristiche che un buon trecciato deve avere?

Come certamente saprai se stai leggendo questo articolo, i trecciati da pesca devono il proprio nome alla lenza formata da più fili intrecciati (generalmente da 4 fili a 8 fili). La miglior qualità di un filo appartenente a questa categoria consiste nell’essere molto resistente, il che lo rende perfetto per fungere da lenza madre e imbobinare il mulinello.

Tuttavia, ci sono alcuni criteri generali che è bene tenere da conto per una scelta ottimale:

  • Resistenza all’abrasione: è fondamentale quando si incontrano ostacoli sott’acqua. La maggiore resistenza all’abrasione del trecciato è quello che ci fa stare tranquilli in questo caso.
  • Sensibilità ed elasticità: fondamentale sia in fase di lancio che in fase di recupero, la scelta migliore è andare su un filo a bassissima elasticità, che aumenterà la sensibilità per permettere di ferrare con maggior rapidità le prede.
  • Qualità delle fibre: può sembrare banale dirlo, ma non lo è. Maggior qualità delle fibre implica una resistenza accresciuta e un maggior carico di rottura. Chiaramente, più alto è il numero di fili e più la resistenza aumenta.
  • Durevolezza: altra caratteristica fondamentale per avere un filo che non sia da buttare dopo pochi mesi. Esattamente come nella scelta del mulinello da spinning e della canna, anche in questo caso è meglio spendere un pochino di più ma assicurarsi un prodotto delle migliori marche e capace di accompagnarci nel tempo.

Attenzione al diametro del trecciato per la pesca in mare o acque interne

Il diametro della treccia è un fattore importante da considerare quando si sceglie la lenza per le proprie esigenze di pesca. Possiamo dire che, in linea di massima, un’elevata resistenza a parità di diametro di un trecciato è tanto più alta quanto più lo è il suo livello di qualità.

Da non perdere:   Qual è la migliore cassetta da pesca per ogni tipo di pescatore? 

A ogni modo, occorre prestare attenzione al diametro del trecciato in base alla taglia media della preda che vogliamo insidiare. Per esempio, per predatori di piccole e medie dimensioni come spigole e lucci, considereremo un filo trecciato da pesca con un diametro compreso tra 0,12 e 0,25 e con un carico di rottura tra 15 e 30 libbre.

Per un predatore pelagico come un tonno, invece, dovremo necessariamente andare su un trecciato con un diametro da 0,50 a salire e un carico di rottura pari o superiore alle 60 libbre.

Come imbobinare il trecciato sul mulinello

L’idea migliore, come detto, è quella di utilizzare il trecciato all’inizio, per avvolgere la bobina del mulinello e poi procedere verso il finale con un monofilo al nylon o fluorocarbon. Il principale vantaggio di questa tecnica consigliata da molti esperti sta nello sfruttare la maggior resistenza all’abrasione del nylon o della sua controparte e, contemporaneamente, di far affondare in acqua un terminale quasi invisibile a cui attaccare l’ esca. Questo ti aiuterà nella cattura anche di quelle prede diffidenti come la trota o la spigola.

Tenendo in considerazione che, comunque, un buon mulinello è fondamentale per evitare di ritrovarsi la lenza ingarbugliata in una parrucca, diamo un’occhiata a come imbobinare il nostro filo all’atto pratico:

1. Iniziare tenendo l’estremità della treccia nella mano sinistra e il mulinello nella mano destra.

2. Iniziare ad avvolgere la treccia intorno al mulinello, facendo attenzione a mantenerla ben tesa.

3. Una volta raggiunta la fine della treccia, infilare l’estremità sotto i giri di treccia già presenti sul mulinello.

4. Continuate ad avvolgere fino a quando tutta la treccia è sul mulinello, quindi dare qualche giro in più per fissarla in posizione.

l migliori fili trecciati per fare spinning

Posto tutto quel che è stato detto fino a ora, ognuno dovrebbe essere in grado in base alla propria esperienza di scegliere il miglior filo trecciato per lo spinning e per le altre tecniche di pesca che richiedono questo tipo di filo.

A nostro parere però, Shimano rappresenta la miglior casa produttrice da considerare per questo tipo di prodotto, soprattutto considerando la varietà di colorazione dei trecciati e il materiale di gran qualità ed estremamente resistente con cuoi vengono prodotti.

Il trecciato economico ma comunque top di gamma prodotto dall’azienda giapponese è un’ottima scelta sia per i veterani, sia per i pescatori alla prime armi desiderosi di testare le proprie abilità.

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 4.4 / 5. Numero di recensioni 10

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Luigi Oriani
Luigi Oriani
Nato a Milano nel 1992, la pianura che circonda la sua città non gli impedisce di sviluppare una grande passione per il mare. Chiedetegli di descrivere il suo momento ideale e vi parlerà di un tramonto in barca, sorseggiando un bicchiere di bianco nella baia di Corfù mentre il pesce sfrigola sulla griglia.
  1. Buongiorno, non sono sicuro di aver capito il procedimento per caricare il mulinello. premetto che sono alle prime armi con trecciati, io faccio spinning alla trota con il nylon. Comunque vi ringrazio per le informazioni che scrivete. Saluti.

    • Buonasera Pierino e grazie per averci scritto. In questi casi vale l’espressione “più facile a farsi che a dirsi”, basta solo un poco di pratica! Siamo contenti che le informazioni risultino utili comunque. 🙂

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Ultimi articoli
00:04:08

Come preparare la barca per la traversata Atlantica – Incontriamo Andrea e Camilla

Andrea e Camilla condividono con noi i segreti su...

Gaia Brojanigo e il suo cantiere navale a Milano.

Gaia Brojanigo ha un sorriso timido. Quando apre le...

Come scegliere il boccaglio per snorkeling e immersioni?

Che c’è di più bello che poter scoprire tutto...
Condividi