Vivere gli oceani attraverso un viaggio sostenibile.

Altri episodi:
00:05:43

Un viaggio a prua...

00:04:55

Il mito dei Riva...

00:06:17
00:06:36

Bert e Francesco Mauri:...

00:08:22

Emozioni in Volo alla...

00:00:53

Riva di Traiano è la destinazione della nuova puntata di Onde, la web serie di HiNelson, che vuole raccontare tutte quelle emozioni che si vivono ogni volta che si mollano gli ormeggi.

Sono passati 6 anni da quando Matteo Miceli ha mollato gli ormeggi proprio da questo porto per intraprendere il suo viaggio intorno al mondo, in solitario, su una barca ecosostenibile.

Perché Matteo ha negli occhi il mare da vivere attraverso avventure, regate e record. E’ la competizione che lo affascina.

Tra i suoi record resta ancora imbattuto quello della traversata atlantica Canaria – Guadalupe in solitario su catamarano sportivo di 20 piedi non abitabile (14 giorni, 17 ore e 52 minuti).

Poi arriva l’idea di Roma Ocean World.

Un giro del mondo senza scali a bordo di un Class40 di ultima generazione completamente ad impatto zero ed eco sostenibile.
Grazie all’esperienza di Matteo nella costruzione delle barche, acquisita nel cantiere dove ha lavorato per molti anni, Eco 40 diventa l’unica barca totalmente autosufficiente in navigazione.
A bordo ci sono un piccolo orto, due galline, pannelli solari, generatori eolici ed idroturbine per non utilizzare combustibili fossili.

Una pazzia?
No, un progetto in cui Matteo crede e che lo porterà a vivere un’avventura unica negli oceani del mondo.

Matteo ci racconta cosa è successo durante la Roma Ocean World con la sua proverbiale calma e con il sorriso che è sempre con lui, anche quando si ritrova naufrago nell’Atlantico, dopo aver quasi concluso il suo giro del mondo.
La barca perde la chiglia e si ribalta. Matteo viene salvato ma deve lasciare Eco40 in Oceano.

Da non perdere:   Una barca a vela non è fatta per rimanere in porto. Parola di Francesco Cappelletti

Matteo Miceli è un uomo di mare e nel mare trova la sua dimensione, fatta di avventure e di tenacia. Quella stessa tenacia che gli ha permesso di ritornare in oceano e riportare a casa Eco40.

Perché ogni volta che Matteo ritorna in porto si chiede: “ed ora cosa faccio?”

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 0 / 5. Numero di recensioni 0

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Condividi
Rimani aggiornato

Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.