Come installare un serbatoio dell’acqua in barca

Guida all’installazione di un serbatoio d’acqua in barca

Anche un marinaio alle prime armi è consapevole di quanto su tutte le barche sia importante ottimizzare il consumo dell’ acqua. A meno che tu non sia uno di quei fortunati che dispongono di un dissalatore a bordo, ti sarà capitato almeno una volta di rimanere a secco e di portarti la mano alla fronte.

“Se solo avessi avuto un serbatoio supplementare!”.

Se vuoi rimediare, beh, sei capitato nel posto giusto: diamo un’occhiata a come installare a regola d’arte un serbatoio d’acqua su una barca a vela.

Tipi di serbatoio d’acqua per barca

A bordo, l’ impianto idraulico dell’ imbarcazione è solitamente collegato a tre tipi di serbatoi:

  • I serbatoi per l’ acqua potabile.
  • I serbatoi per le acque chiare.
  • I serbatoio per le acque nere.

Per la prima tipologia, non c’è bisogno di ulteriori spiegazioni o di sottolineare l’importanza rivestita a bordo dall’ acqua dolce. Nel secondo caso, parliamo chiaramente delle cisterne deputate all’ immagazzinamento delle acque che verranno usate per l’igiene dell’equipaggio (ad esempio per la doccia) pur essendo non potabili. Nel terzo caso, invece, parliamo dei serbatoi responsabili di accogliere le acque “di scarto” inevitabilmente prodotte durante una crociera più o meno prolungata.

I più fortunati, o lungimiranti a seconda dei punti di vista, hanno come dotazione di bordo un dissalatore o dei filtri che consentono di riempire i serbatoi per le acque chiare in rada, anche senza fare sosta in porto,

Qualunque sia il tipo di contenitore, comunque, possiamo avere a che fare con un serbatoio morbido (più duttile in termini di spazio e mobilità) o con un serbatoio rigido, che solitamente si trova installato in uno dei gavoni lungo lo scafo. In quest’altro articolo abbiamo approfondito tutte le considerazioni da fare per scegliere al meglio il serbatoio per la propria barca.

Le fasi di montaggio di un serbatoio di acqua per una barca

1. Il primo passo consiste nell’individuare la posizione dell’imbarcazione in cui si intende portare a termine l’ installazione del serbatoio. In genere si trova nella parte posteriore dell’imbarcazione, vicino al motore, anche se non sempre è così. Bisogna avere ben chiara la planimetria della barca da poppa a prua e del suo sistema idraulico per calcolarne il carico. Risulta fondamentale considerare la posizione di ogni valvola, tappo e pompa autoclave.

Da non perdere:   Teli di copertura nautici: guida all'acquisto

2. Una volta individuata la posizione, il passo successivo consiste nel raccogliere tutti i materiali e gli strumenti necessari. Oltre al serbatoio d’acqua, occorrerà un numero equo di raccordi, di tubi flessibili, di fascette e di un trapano.

3. La terza fase consiste nel fissare i raccordi al serbatoio. A tal fine, è necessario forare il serbatoio e avvitare i raccordi, facendo attenzione a non comprometterne l’integrità. Ovviamente, la principale utilità dei serbatoi flessibili sta nell’essere già venduti con già tutte le valvole e i bocchettoni installati, rendendo questo passaggio già superfluo.

4. La quarta fase consiste nel collegare i tubi flessibili ai raccordi. A tal fine, i tubi flessibili devono essere messi in comunicazione coi manicotti dei raccordi, i quali renderanno i serbatoi del circuito comunicanti. Qui il calcolo della portata e della capacità totale dell’impianto rivestono un ruolo fondamentale per evitare i reflussi.

5. La quinta e ultima fase consiste nel fissare tutti i collegamenti con delle fascette. In questo modo si garantisce che quando il serbatoio è in uso non vi siano perdite e né lui lui né il sistema idraulico possano sfiatare.

Chiaramente, come già anticipato, le tipologie di serbatoio possono differire tra di loro a seconda dello scopo, ma il processo generale per l’installazione è più o meno sempre lo stesso. Sia che ti serva qualche litro supplementare per una doccetta, o che tu debba aumentare la capacità di stoccaggio della toilette di bordo, l’ investimento su un serbatoio può essere un ottimo affare in termini di comodità.

Da un’occhiata ai diversi modelli di serbatoi acqua barca e scegli quello che più si addice alle tue esigenze!

 

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 4 / 5. Numero di recensioni 1

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Luigi Oriani
Luigi Oriani
Nato a Milano nel 1992, la pianura che circonda la sua città non gli impedisce di sviluppare una grande passione per il mare. Chiedetegli di descrivere il suo momento ideale e vi parlerà di un tramonto in barca, sorseggiando un bicchiere di bianco nella baia di Corfù mentre il pesce sfrigola sulla griglia.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Ultimi articoli
00:04:08

Come preparare la barca per la traversata Atlantica – Incontriamo Andrea e Camilla

Andrea e Camilla condividono con noi i segreti su...

Gaia Brojanigo e il suo cantiere navale a Milano.

Gaia Brojanigo ha un sorriso timido. Quando apre le...

Come scegliere il boccaglio per snorkeling e immersioni?

Che c’è di più bello che poter scoprire tutto...
Condividi