Filo da pesca: scegliere la lenza

Come scegliere il filo da pesca? Individuare le giusta lenza per pescare è fondamentale. Possiamo scegliere la migliore canna da pesca, il più efficace mulinello, il più corretto tra gli ami, la più adatta tra le esche… eppure, se sbagliamo il filo da pesca, annulliamo l’efficacia di tutte le scelte fatte fino a quel momento. Certo, un tempo era più facile, in quanto sul mercato c’erano ben poche scelte. Anzi, alla fin fine tutto si riduceva al nylon, da accoppiare con quello o con quell’altro amo, e niente più. Oggi però sul mercato troviamo tantissimi fili da pesca differenti, pensati ora per quello ora per quell’altro utilizzo, talmente specifici da essere totalmente sbagliati e inadatti per altri utilizzi. Oggi quindi vedremo quelle che sono le principali lenze, per capire pro e contro di ogni materiale, e per individuare le loro caratteristiche peculiari. Buona lettura!

 

Scegliere la lenza: il nylon

Partiamo con la scelta classica, tradizionale, ovvero con il nylon. Si tratta di una lenza da pesca “vecchia”, ma non per questo non presenta dei vantaggi. In termini di rapporto qualità/prezzo, va detto, il nylon è imbattibile. Va peraltro detto che tutti in pescatori, a qualsiasi livello, utilizzano praticamente sempre del nylon nelle rispettive montature, perlomeno a livello della lenza madre. Chi non lo fa usa il trecciato, che vedremo tra poco, soprattutto nel campo dello spinning.

Scegliere il filo da pesca in nylon, nel surcasting e in generale nella pesca a fondo, assicura un’alta morbidezza. L’elasticità varia da modello a modello, ma in linea di massima possiamo dire che chi cerca elasticità guarda esattamente a queste lenze, che diventano così perfette per ridurre il rischio di fare parrucche, problemi tipici dei fili più rigidi. L’elasticità offre il vantaggio di stressare meno l’attrezzatura e di mitigare la rigidità di una canna da pesca eccessivamente reattiva; la sensibilità, però, non può che risentirne. Rispetto al trecciato, il nylon è leggero, e tende a galleggiare, laddove il trecciato sarà sempre prossimo all’affondamento.

Quale filo da pesca? Il trecciato

Con il trecciato andiamo all’estremo opposto rispetto al filo nylon: parliamo infatti di un filo da pesca molto rigido. Quindi abbiamo a che fare con una lenza decisamente poco elastica e con elasticità pari a zero, che però ha il vantaggio di avere un carico di rottura molto alto: questo significa che con il trecciato possiamo andare a mettere in bobina del filo con diametro ridotto, pur avendo la garanzie di avere molta resistenza, migliorando al contempo i lanci. I

l nemico del trecciato non è quindi il carico; teme però l’abrasione, e quindi il contatto con eventuali rami o sassi. Altro svantaggio del trecciato è la visibilità accentuata, molto più alta rispetta a quella del nylon. Diventa quindi necessario utilizzare dei terminali più lunghi per camuffare la lenza. Il costo del filo trecciato da pesca – realizzato con una trama di fili in polietilene – è leggermente più alto rispetto a quello del nylon. Più si è disposti a spendere, meno il trecciato avrà la tendenza a imparruccarsi e ad annodarsi.

Da non perdere:   Motore fuoribordo economico: parliamone

Il salto di qualità: il filo da pesca fluorocoated

Un filo di pesca in nylon con una marcia in più. Il fluorocoated è infatti una lenza con l’anima in nylon e con un rivestimento in fluorcarbon, rivestimento che può essere fatto con uno o più strati. Perché si combinano questi due materiali? Semplice: in questo modo si avrà un filo da pesca più resistente alle abrasioni e allo stesso tempo invisibile. Oltre a questo, va detto che il rivestimento non smorza eccessivamente l’elasticità del nylon, così da avere comunque un filo da pesca abbastanza elastico. Si tratta dunque di un compromesso – in tutti i sensi – tra filo in nylon e filo in fluorocarbon.

Per chi non si accontenta: il filo da pesca fluorocarbon

Indubbiamente costoso, il fluorocarbon ha rivoluzionato lo stile e il modo di pescare di tantissime persone. Questo filo unisce infatti due grande vantaggi, ovvero l’invisibilità in acqua e la grande resistenza all’abrasione. Ecco allora che, come si può intuire, il fluorocarbon rappresenta il terminale perfetto per un filo trecciato. Per la sua rigidità, il fluorocarbon non è particolarmente facile da avvolgere in bobina, e basta dunque un po’ di distrazione per creare poi delle parrucche; si tratta però della scelta ideale per chi è alla ricerca di grande sensibilità, per chi pesca in mare calmo e limpido. Per avere il massimo, va sottolineato, è necessario cercare un filo da pesca fluorocarbon al 100%!

L’ipotesi Ester

Chiudiamo questa lista su come scegliere il filo da pesca con un accenno al filo da pesca Ester. Parliamo di una tipologia di fili sottili, molto rigidi (ancora più del fluorocarbon) ma con un peso specifico importante, per migliorare il lancio con esche particolarmente piccole come spoon e micro jig, difatti questa tipologia di lenza è indicata per tutte quelle tecniche di light spinning.

Il filo da pesca senza memoria

Vale la pena a questo punto spiegare un’espressione che molti pescatori principianti potrebbero aver trovato nel nostro e-commerce di accessori per la pesca come in altri luoghi: parliamo del filo da pesca “senza memoria”. Queste parole potrebbero confondere. Non si sta certo parlando di un dispositivo dotato di un disco fisso o simili, si parla pur sempre di un filo, sia esso un trecciato o una lenza in nylon.

Con il termine memoria nel gergo degli accessori per la pesca sportiva si intende infatti la tendenza del filo a mantenere la forma presa nella bobina: un filo con una memoria marcata tenderà quindi a mantenere le “spire” anche durante l’utilizzo. E non ci sono dubbi, in alcune tecniche la presenza di una memoria forte del filo può creare delle difficoltà. Si pensi per esempio alla pesca in profondità consistenti: in questi casi solo una lenza da pesca senza memoria permetterà al pescatore di distinguere perfettamente le mangiate.

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 3.3 / 5. Numero di recensioni 3

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Nicola Andreatta
Nicola Andreatta
Copywriter dal 2014, trentino dal 1987. La passione per la nautica è nata sulla prua di una piccola barca a vela sfrecciante nel lago di Caldonazzo: da allora è continuata a crescere, insieme alla sempre presente voglia di imparare - e condividere - qualcosa di nuovo su questo affascinante mondo.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Hai una storia da raccontare?

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Ultimi articoli

Impianto d’Acqua a Bordo: consigli e soluzioni per una gestione efficiente

Risparmiare acqua: una parola d’ordine che dovrebbe vale sempre,...

Stereo Marini Velex: Innovazione e Qualità Accessibile

Gli stereo marini Velex stanno rivoluzionando l'intrattenimento sull'acqua grazie...

Francesca Clapcich: ogni giorno imparo qualcosa di nuovo.

Francesca Clapcich è la nuova Voce della puntata numero...

Equipaggiamento per la barca a vela: una checklist

La tua barca a vela è perfetta e pronta...
Condividi