La gassa d’amante: un nodo molto utile che ogni marinaio deve saper fare

La gassa d’amante è un nodo ad occhiello tra i più utili di tutta la nautica insieme al nodo bandiera. La sua fama, che lo fa conoscere a volte anche come “nodo bolina”, è dovuta soprattutto alla sua affidabilità come nodo sotto carico, che però non ne compromette la facilità di scioglimento quando necessario.

Gli utilizzi della gassa d’amante…e un’utile storiella

Per la sua natura di nodo ad occhiello, la gassa d’amante può essere preparata in anticipo e lasciata “in attesa” fino al momento del bisogno, per esempio per ormeggiare a una bitta o per assicurare una scotta al fiocco. Anche l’utilizzo di una gassa legata ad un’altra, per esempio, è un modo molto sicuro per ottenere un affidabile nodo di giunzione. La sua particolarità è, come già accennato, la capacità di sciogliersi agilmente anche a pieno carico, con tutti i vantaggi che questo comporta.

In ogni caso, questo tipo di nodo in barca è fondamentale. Il cappio che si ottiene eseguendolo correttamente, infatti, si usa per diversi scopi, tra i quali citiamo: 

  • Assicurare una cima alla catena dell’ancora
  • Fissare oggetti a bordo per evitare una malaugurata caduta in mare
  • Ormeggiare una barca
  • Fissare una cima agli occhielli degli angoli di una vela

Esiste una simpatica storiella, trasposta sullo schermo anche nella celebre pellicola “Lo Squalo”, per ricordare più facilmente come fare questo nodo: Il serpente (il corrente) entra nel pozzo (l’anello ) esce dal pozzo, gira attorno all’albero (il dormiente) e rientra nel pozzo. 

Se non è chiaro ora, continuate a leggere, procuratevi una cima e provate a seguire i passaggi: sarà un gioco da ragazzi!

Secondo passaggio: il corrente si muove ed entra

Per proseguire, ci si limita a passare il corrente all’interno dell’anello inizialmente creato.

Terzo passaggio: il corrente esce e aggira il dormiente

Ora, il corrente esce dall’anello e passa dietro il dormiente.

Quarto passaggio: Il corrente sale e rientra nell’anello

A questo punto siamo in dirittura d’arrivo: il corrente va verso l’alto e riscende dentro l’anello.

Quinto passaggio: il nodo è pronto

Ora è sufficiente tirare nelle direzioni opposte corrente e dormiente. Il gioco è fatto!

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 4.9 / 5. Numero di recensioni 13

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Luigi Oriani
Luigi Oriani
Nato a Milano nel 1992, la pianura che circonda la sua città non gli impedisce di sviluppare una grande passione per il mare. Chiedetegli di descrivere il suo momento ideale e vi parlerà di un tramonto in barca, sorseggiando un bicchiere di bianco nella baia di Corfù mentre il pesce sfrigola sulla griglia.
    • Buongiorno Gene e grazie per l’osservazione. Cercheremo una nuova immagine di copertina, che rimane comunque puramente illustrativa del contesto dei nodi. Fortunatamente nell’articolo abbiamo usato immagini e tecnica corretta. 😉

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.
Ultimi articoli

Tutto sui gavitelli: guida all’uso e alla scelta

Chi ha solcato diversi mari sa molto bene che...

Vernice Gelcoat per imbarcazione: scelta e applicazione per la verniciatura dello scafo

Anche oggi ci dedichiamo a un tema piuttosto delicato...

Pesca subacquea: tecniche e attrezzature da pro

Oggi vogliamo fornire una guida alla pesca in apnea...

Bottazzo: guida alla manutenzione e alla sostituzione

Chi in età adulta si avvicina per la prima...
Condividi