Mi compro la Barca Hanse 291

Mi compro la barca. Quante volte te lo sei detto? E a seguire giorni passati a cercare il modello migliore per le tue esigenze. Con il modello Hanse 291 continuiamo la nostra serie di articoli dedicati alle imbarcazioni più richieste sul mercato nautico. Insieme scopriremo chi le ha disegnate, quale tecnologia è stata utilizzata per costruirle e quali innovazioni hanno potuto portare al settore nautico. Come si comportano in mare, quali attrezzature hanno a disposizione. Una visita guidata virtuale un modello alla volta per scoprire pregi, difetti e i lavori indispensabili da eseguire una volta comprate.

Ogni barca ha una storia alle spalle ed oggi raccontiamo la nascita della…

 

Hanse 291

La barca a vela

La prima barca di casa Hanse nasce nel 1993 su un modello disegnato già dal progettista svedese Carl Beyer chiamato in origine Aphrodite e lo presenta all’International Hamburg Boat Show.

È comoda e bella ma soprattutto è il primo yacht prodotto in serie con fiocco autovirante. Ad un prezzo  di 44.444 marchi tedeschi, diventa bestseller assoluto in Germania e in tutta Europa, Nord America, Australia e Sud-Est asiatico.

Nel corso degli anni la Hanse ha ridisegnato e aggiornato questo modello nel 300, 301 e 311.

 

Il cabinato è già conosciuto ed apprezzato per le sue doti marine e di abitabilità nonché per la sua propensione alla corsa. Essendo un modello risalente agli anni ’80 le linee dello scafo richiamano sicuramente le regole IOR, slanci pronunciati e baglio massimo a centro barca.

Una barca il cui valore di mercato è ben più alto delle sue cugine di stessa lunghezza.

Il Cantiere

HanseYachts produce yacht dal 1990 ed ha sede nella città di Greifswald, in Mar Baltico. Al momento attuale Hanse offre sia monoscafi con marchio Hanse, Dehler e Moody che catamarani con il marchio Privilège. Le barche a motore sono vendute con i marchi Fjord e Sealine sotto l’egida del gruppo aziendale HanseGroup. I progettisti di cui si avvale sono Patrick Banfield, Bill Dixon e Judel/Vrolijk & Co.

HanseYachts è il secondo costruttore di produzione di yacht a vela nel mondo. Il 18 07 2019 Hanse ha festeggiato la costruzione della sua 10.000esima barca a vela. Le imbarcazioni vengono prodotte nel sito principale a Greifswald e a Goleniów, in Polonia. Le barche a vela rappresentano circa il 70% degli introiti della Società.

 

Qualche milestones di Hanse.

HanseYachts nasce nel 1990, un anno dopo la caduta del muro di Berlino in un vecchio cantiere navale per pescherecci e rimorchiatori. Viene fondata da Michael Schmidt, proprio il vincitore dell’Admiral’s Cup del 1985. Inizialmente la neonata Yachtzentrum Greifswald, questo il primo nome di Hanse, ricostruiva e riparava yacht, oltre ad eseguire piccole modifiche su misura.

L’Hanse 291, la prima barca di Hanse, esce dal cantiere nel 1993. Negli anni successivi, grazie ad un rapido successo, la società cresce ed amplia la gamma dei modelli. Sul finire degli anni Novanta i designer di yacht Judel/Vrolijk & Co iniziano a collaborare con l’Azienda, collaborazione che continua tuttora. Nel 2007 HanseYachts fa la sua entrata in borsa. Il suo fondatore Mr. Schmidt è ancora azionista di maggioranza.

Nel 2006 Hanse assorbe il produttore norvegese di barche a motore Fjord Boats AS mentre nel 2007 è la volta del marchio inglese Moody. Inzia così una nuova era in cui Hanse produce barche a motore e barche a vela DS.

Nel 2008 viene ampliato il capannone originale di Greifswald e costruito un nuovo sito di produzione in Polonia, a Goleniów. Il 2009 viene caratterizzato a una nuova acquisizione, il concorrente tedesco Dehler Yachtbau comprendente i marchi Dehler e Varianta, nonché un impianto di produzione situato a Freienohl, in Germania. [17]

Come tutti i grandi produttori nautici, nel 2008 Hanse viene colpita duramente dalla crisi finanziaria globale. Il fatturato dimezza in un solo anno peggiorando negli anni successivi. Nel 2011, il suo fondatore, Michael Schmidt cede le sue partecipazioni e nel 2012 l’azienda è costretta a chiudere la fabbrica Dehler a Freienohl e trasferire la produzione Dehler alla sua fabbrica di Goleniów. Ma nel 2013, grazie a nuova linfa dopo l’acquisto da parte del fondo di investimento Aurelius, la società madre HanseYachts Aurelius SE acquista il marchio inglese Sealine, famosi yacht a motore, che inizia a produrre nel 2014.

Nel maggio 2017  Privilège Marine SAS viene acquisita da Hanse inserendosi così nel segmento dei catamarani di lusso.

Da non perdere:   Il motore marino per una piccola barca a vela

Al momento Hanse produce imbarcazioni apprezzate in tutto il mondo per la comodità e per la qualità del lavoro svolto.

 

Scheda Tecnica Hanse 291

Prodotto dal 1993 al 1999. Le misure del Hanse 291 sono 8.90 mt di lunghezza f.t. per 2.62 mt al baglio massimo. Il pescaggio è di 1.62 mt.

 

Lo scafo è in VTR. Il dislocamento è di 2600 kg. La zavorra è di 1050 kg.

La superficie velica è di circa 34 Mq con randa e fiocco che potranno farti raggiungere una velocità media di 6 nodi circaPiano velico frazionato a 3/4 è di facile gestione anche in solitaria. Bella da portare risponde bene ai comandi della barra. Tuga alta e arrotondata, comodo il calpestio.

Una barca veloce ed emozionante con fiocco autovirante.

 

Pozzetto con timone a barra. Comodo per 2 persone. Il trasto è posizionato in posizione frontale rispetto alla barra e questo permette di manovrare con facilità la randa ma perde di comodità.

 

Originariamente motorizzata con Volvo Penta 10hp . Il serbatoio ha un capacità di 45 litri.

Il serbatoio dell’acqua ha una capacità totale di 100 litri.

 

Interni: opinioni

All’interno c’è una cabina a prua ed una a poppa, in altra configurazione troviamo le cuccette a poppa; il bagno separa la dinette dalla cabina di prua. La zona cucina sulla sinistra.

Mensole e Armadietti che, come in molte altre barche, fiancheggiano il quadrato. Il divano è comodo per massimo 6 persone.

Cabina di prua.

Cuccette di poppa.

La cucina è a sinistra appena scesi dalla scaletta. Doppio lavello e frigo Verticale. 2 Fuochi con sospensione cardanica. Armadietti di varie misure per stivare la cambusa.

 

Il carteggio è il tavolo principale.

Un bagno comodo.

 

Cosa controllare

Alcuni punti deboli per questa barca nel complesso di buona fattura. .

Cosa controllare prima di acquistarla. Assolutamente da controllare il meccanismo del fiocco autovirante.

Controlla il timone perchè la losca tende a deteriorarsi!

Come sempre se hai l’opportunità di osservare la barca fuori dall’acqua controlla che non ci sia osmosi o, se presente, che non sia un grosso problema. Basterà comunque un piccolo trattamento antiosmosi e lo scafo tornerà come nuovo. Tale trattamento è comunque bene metterlo in conto per ogni barca oltre i 20 anni perchè prima o poi è da fare.

La ferramenta della falchetta quali i candelieri sono da monitorare attentamente.

Probabilmente dovrai aggiungere nuova elettronica.

Come regola chiedi sempre a quando risale il Rigging. E’ buona norma rifarlo ogni 10 anni.

 

Su questa barca troviamo un motore Volvo 10 Hp elica due pale. Puoi eseguire un upgrade e montare un 18 cavalli Volvo 2020. La barca ne guadagnerà in velocità e consumi. In se è un motore affidabile e di facile manutenzione. Olio, filtri e distribuzione almeno una volta all’anno.

Cambiando l’elica originale con una a tre o quattro pale orientabili otterrete maggiore spinta e manovrabilità.

Sempre una controllata all’impianto elettrico per determinare in quale stato è. Un controllo accurato prima dell’acquisto è d’obbligo.

 

Prezzo

A seconda dell’anno di costruzione, della versione, delle dotazioni e degli upgrade la richiesta oscilla fra i 15.000 ed i 22.000 euro.

 

Perchè comprare un Hanse 291

Una barca bella e collaudata. Ottima per le uscite domenicali al mare ma, date le dimensioni è perfetta per il lago. Mantiene il suo valore ed è un piacere eseguire gli upgrade.

E’ bello e sinonimo di barca ok vedere delle vele pulite. Usa

[ps_product_list id_product= 1860]

 

Buon Vento e non dimenticare di di Iscriverti al Canale YouTube di HiNelson dove potrai scegliere video su manutenzione barca, tecnica e tecnologie! 

 

N.B. Disclaimer immagini. Alcune delle immagini presenti in questo articolo sono di proprietà dell’autore, altre sono create con Google Earth©, tutte le altre sono frutto di ricerche sul motore di ricerca Google con la spunta “contrassegnate per essere riutilizzate” in “diritti di utilizzo”. Se dovesse essere presente una foto coperta da diritti di autore avvisami subito QUI e provvederò a sostituire la foto immediatamente.

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 5 / 5. Numero di recensioni 3

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Fabio Portesan
Fabio Portesan
Navigo nel Mediterraneo con la mia famiglia dal 2017. Fino al 2021 ho sperimentato il vivere in barca in tutte le stagioni accumulando un po' di esperienza marina. VideoMaker per passione e scrittore per necessità realizzo video di cultura marinara e manutenzione nautica dedicati ad un utilizzo più consapevole della barca ed alla salvaguardia dell'ambiente marino.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Ultimi articoli
00:04:08

Come preparare la barca per la traversata Atlantica – Incontriamo Andrea e Camilla

Andrea e Camilla condividono con noi i segreti su...

Gaia Brojanigo e il suo cantiere navale a Milano.

Gaia Brojanigo ha un sorriso timido. Quando apre le...

Come scegliere il boccaglio per snorkeling e immersioni?

Che c’è di più bello che poter scoprire tutto...
Condividi