Barbecue da barca: ecco i migliori

La scena è una di quelle che ci fanno zompare il cuore verso la prossima estate: siamo lì, ancorati in rada con la nostra barca, con la famiglia oppure con gli amici. Ci stiamo preparando per il pranzo, o magari – ancora meglio – per la cena. E magari lì, nel frigo della nostra barca, c’è il pesce che abbiamo pescato la mattina, o magari della carne che abbiamo comprato prima di lasciare gli ormeggi. Cosa c’è di meglio di una bella grigliata, utilizzando un buon barbecue da barca? E di certo negli ultimi anni le griglie nautiche sono diventate sempre più comuni, grazie peraltro ai tanti modelli di barbecue da barca portati sul mercato dai vari produttori, nonché ai loro prezzi sempre più convenienti. Oggi ti aiuteremo quindi a scegliere la migliore griglia per la tua barca, soffermandoci prima velocemente sulle due principali categorie: da una parte ci sono i barbecue per barca a gas, dall’altra quelli a carbone!

La griglia in barca: le diverse tipologie

L’abbiamo già anticipato. Il mondo dei barbecue, sulla terraferma come in barca, si divide in due grandi gruppi. E sì, qui di solito si scatena la battaglia tra i puristi, ovvero quelli che non vedono nessun’altra opzione rispetto al barbecue per barca a carbone o a carbonella, e il resto del mondo, che invece sposa la maggiore praticità del barbecue nautico a gas. Partendo dal presupposto per cui tutte le griglie marine devono essere realizzate in modo da resistere alle peculiari minacce del mare – e quindi in acciaio inox, antivento e coperchio – come scegliere il modello migliore? Vediamo quali sono i pro e i contro delle due tipologie.

Pro e contro delle griglie a carbonella per la barca

Partiamo con la classica griglia a carbone. Qui ovviamente c’è tutto il rituale dell’accensione del fuoco e della gestione delle braci, con quel profumo inconfondibile che si innalza nell’aria. E sì, certo, se gestito bene il barbecue a carbone può dare grandi, enormi soddisfazioni, dando peraltro un sapore tutto suo alla carne, al pesce e alle verdure che si metteranno sulla griglia. C’è da dire inoltre che in media i modelli a carbonella costano meno rispetto rispetto a quelli a gas. Ma ci sono anche i contro, che non sono pochi. Prima di tutto, la gestione del carbone può essere più difficoltosa: serve infatti un po’ di dimestichezza. Poi va detto che, prima di mettere carne e pesce sulla griglia, è necessaria una lunga preparazione, che rende la grigliata tutt’altro che immediata. E ancora, c’è da considerare il fatto che la cenere creata dalla carbonella tende a svolazzarsene in giro, il che potrebbe causare qualche problemino a livello della pulizia della barca.

Pro e contro delle griglie a gas per la barca

Passiamo ai barbecue a gas. Qui non c’è carbonella: il combustibile è fornito dalla apposita bombola o, laddove presente a bordo, dall’impianto stesso. Parliamo di barbecue nautici leggermente più costosi, a parità di superficie di cottura offerta. Ma anche più pratici, più veloci, più puliti. Qui il rito dell’accensione del fuoco se ne scompare del tutto, ma resta la facilità di gestione della griglia. Insomma, nella maggior parte dei casi, la griglia nautica a gas finisce per essere la soluzione migliore.

Da non perdere:   Come liberare l'ancora
barbecue da barca consigli

Dove mettere la griglia in barca

Prima di vedere i migliori barbecue da barca, rispondiamo a questa domanda che dei diportisti che non hanno mai visto una griglia nautica potrebbero assolutamente porsi. Dove posizionarla? Il luogo tipico di installazione del barbecue da barca è a poppa, andando a fissarlo ai pulpiti con delle staffe solide. Più in generale, la griglia va tenuta sottovento e possibilmente fuoribordo, in modo da tenere pulita la coperta della barca.

Il barbecue da barca a carbone

Barbecue marine kettle a carbone – Magma

Iniziamo con un modello di barbecue per barca a carbone, per chi pensa che grigliata sia sinonimo di carbonella. In questo caso Magma propone un barbecue in acciaio inox, lucidato a specchio, con coperchio che può tornare prezioso come paravento. Con un diametro di 38 centimetri e griglia regolabile in altezza, assicura grigliate di qualità in barca.

Il barbecue da barca a gas

Barbecue marine kettle a gas – Magma

Restiamo su Magma: questo modello di griglia è di fatto il fratello di quello visto precedentemente, alimentato però a gas. Anche qui il diametro è di 38 centimetri, con coperchio con funzione di paravento.

Barbecue marine kettle 2 a gas – Magma

L’evoluzione del modello precedente, utilizzabile sia come barbecue che come fonrello, grazie alla particolare piastra di riscaldamento radiante. Qui l’accensione è piezoelettrica, per la massima praticità. Il diametro è sempre di 38 centimetri.

Barbecue in acciaio inox – Eno

Passiamo ai barbecue per barca del marchio ENO, un’altra sicurezza. Qui si tratta di una griglia pensata in generale per le grigliate all’aperto, ma si ha il grande vantaggio di una superficie di cottura ben maggiore, avendo complessivamente il barbecue una larghezza di 64 centimetri e una larghezza di 38 centimetri. Il modello è alimentato a gas, con accensione piezoelettrica.

Barbecue ad incasso Antigua – Eno

Infine c’è la possibilità di optare, in casi particolari, per un barbecue a gas a incasso, con piastra in ghisa smaltata e coperchio extrapiatto. Qui si parla di una dimensione complessiva di 40 per 66 centimetri.

Grigliate in barca in sicurezza: come fare

Qual è il barbecue nautico più adatto per la tua barca? Tenendo in considerazione il metodo di cottura che preferisci, lo spazio a disposizione a bordo e il numero di persone che vorrai sfamare, sarà facile scegliere tra i modelli di griglia esposti. In tutti i casi, ricordati che quando si cucina in barca è sempre bene avere a portata di mano un estintore o dell’acqua, per scongiurare incidenti potenzialmente pericolosi. Chi sceglie i modelli a gas deve inoltre ricordarsi di tenere sempre la bombola lontana dalla fiamma, mentre chi opta per i barbecue per barca a carbone dovrebbe ricordarsi sempre che usare l’alcol per l’accensione è una pratica assolutamente da evitare.

Non ci resta che augurarti delle ottime grigliate!

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulle stelle per votare

Media voti 5 / 5. Numero di recensioni 2

Nessun voto per ora. Sii il primo a valutare questo post.

Scritto da
Nicola Andreatta
Nicola Andreatta
Copywriter dal 2014, trentino dal 1987. La passione per la nautica è nata sulla prua di una piccola barca a vela sfrecciante nel lago di Caldonazzo: da allora è continuata a crescere, insieme alla sempre presente voglia di imparare - e condividere - qualcosa di nuovo su questo affascinante mondo.

Cosa ne pensi? Dicci la tua

Non hai inserito nessun commento
Inserisci il tuo nome prima di commentare

Contenuti che potrebbero interessarti

- -pubblicità - -

Resta aggiornato


Su promozioni e novità riguardo il mondo della nautica.

Iscrivendoti accetti le condizioni generali e l'Informativa Privacy.

- -pubblicità - -

Accessori nautici e pesca sportiva

1 store online di accessori nautica e articoli per la pesca sportiva qualità: i migliori brand e tanto made in Italy, catalogo con più di 50.000 articoli.

Ultimi articoli
00:04:08

Come preparare la barca per la traversata Atlantica – Incontriamo Andrea e Camilla

Andrea e Camilla condividono con noi i segreti su...

Gaia Brojanigo e il suo cantiere navale a Milano.

Gaia Brojanigo ha un sorriso timido. Quando apre le...

Come scegliere il boccaglio per snorkeling e immersioni?

Che c’è di più bello che poter scoprire tutto...
Condividi